send gifts to your beloved



Most Popular

Send Cakes to Patna When You Are Away
When you do small little things for your loved one, it makes a big difference. In any occasion, a cake ... ...


Gifts






Tutta l'arroganza di Macron nell'ennesimo sgarbo all'Italia

Rated: , 0 Comments
Total hits: 4
Posted on: 04/02/18
Se vi punge vaghezza che l'irruzione di due gendarmi francesi in una sala della stazione di Bardonecchia utilizzata da una organizzazione non governativa italiana sia frutto di un errore, d'una svista o d'un ordine mal interpretato disilludetevi. Nessuna delle controversie che negli ultimi dieci mesi hanno reso sempre più i conflittuali i rapporti tra Roma e Parigi sono frutto del caso. Rispondono semplicemente alle politiche di quell'Emmanuel Macron la cui elezione lo scorso maggio riempie di gioia e speranze i vertici di un partito Democratico e di un governo Gentiloni unanimi nell'intravvedere in quel presidente il salvatore della Francia, dell'Europa e dell'Italia. La miope cantonata si delinea in tutta la sua ampiezza solo pochi giorni dopo.A fine maggio uno dei primi atti del nuovo presidente è il blocco dell'intesa siglata dal suo predecessore François Hollande per il passaggio dei cantieri di Saint-Nazaire sotto il controllo di Fincantieri titolare, assieme alla Fondazione Crt Trieste, del 54,7% del capitale. Per Macron il passaggio dei cantieri culla e arsenale della Marina militare francese è uno smacco da bloccare a tutti i costi. E così il presidente, salutato come Messia dell'Europa, non esita a minacciare la nazionalizzazione dei cantieri pur di tener alla porta i detestati italiens. Lo sgambetto, parzialmente evitato nei mesi successivi solo grazie a una difficile, e per molti versi mortificante, trattativa dal governo Gentiloni è solo l'inizio.A luglio Macron non si fa problemi ad invitare all'Eliseo Khalifa Haftar. La legittimazione del controverso generale libico e la sua trasformazione in un interlocutore di primo piano nell'ambito delle trattative per la riunificazione del Paese è una mossa che va esattamente nel senso opposto rispetto alla linea concordata dalla comunità internazionale con un'Italia considerata Paese di riferimento per la definizione delle politiche libiche. Macron interessato non solo al petrolio della nostra ex colonia, ma anche al ruolo di primattore dell'Africa Nord Occidentale - non si fa problemi a calpestare tutti gli accordi precedenti pur di boicottare le politiche di Roma. E quando il nostro Marco Minniti, titolare del dossier libico e delle azioni di contenimento della migrazione irregolare, gli risponde per le rime allargando il raggio della nostra politica a Paesi come Niger, Mali e Ciad, tradizionalmente legati a Parigi, la risposta va ben al di là dei paletti diplomatici.A settembre, pur di sabotare le iniziative italiane in Libia, Parigi mobilita tre suoi "consiglieri militari". Ai tre viene affidato il compito di coordinare l'offensiva delle milizie vicine ad Haftar intente a strappare la cittadina di Sabratha al controllo di quei gruppi armati con cui i nostri servizi segreti hanno stipulato un'intesa per bloccare i migranti. Non pago Macron lavora anche per far saltare il progetto di missione militare italiana in Niger annunciata a dicembre dal governo Gentiloni e approvata a gennaio dal nostro Parlamento. La missione rivolta a fermare il traffico di uomini verso la Libia è una diretta conseguenza delle politiche allargate di Minniti. Anche perché per anni quel traffico è transitato sotto gli occhi indifferenti delle forze speciali francesi in Niger. Lo sgambetto di Parigi anche questa volta non si fa attendere. Subito dopo il voto del nostro Parlamento fonti dell'Eliseo rilanciate dalla radio pubblica Rfi (Radio France Internationale) fanno sapere che il governo del Niger "nega di essere stato consultato e di essere d'accordo con l'iniziativa". Pochi giorni dopo le "voci" francesi vengono confermate dal ministro dell'Interno del Niger, Mohamed Bazoum decisissimo nel smentire che il suo governo abbia mai chiesto l'intervento dei nostri militari nel suo Paese.Bardonecchia insomma non è solo una bega di confine. È, invece, la conferma di come la sfacciataggine e l'arroganza politica della Francia di Macron nei confronti di un'Italia, troppe volte in passato incerta o arrendevole, sia assolutamente priva di limiti e frontiere.




>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment
 

Login


Username:
Password:

forgotten password?